San Giovanni Rotondo: dieci giovani siciliani mettono in scena “Arriva Lu Sand’”, il musical dedicato alla vita di San Pio

Vecchie sedie di legno su cui poggiare le anime e costumi rubati ai nonni insieme alle storie sul loro amato santo, raccontate e tramandate negli anni come preziose testimonianze di una vita fuori dall’ordinario.

Tanto bello quanto contorto nel suo destino, l’ambizioso progetto Actor Dei ha ripreso vita grazie anche alle voci di dieci giovani e promettenti siciliani, che nella magica cornice di San Giovanni Rotondo hanno sapientemente messo in scena Arriva Lu Sand’, un’opera musicale ad elevato impatto emotivo che ha idealmente concluso l’Anno Giubilare in occasione del primo centenario dell’arrivo in paese di Padre Pio.

Attraverso la musica i giovani artisti hanno saputo emozionare i presenti, raccontando la vita di San Pio da Pietralcina, un uomo che ha vissuto con estrema normalità la sua straordinaria santità.

Sul sagrato di Santa Maria delle Grazie, al cospetto di una piazza gremita e delle principali autorità religiose, civili e militari, applausi a scena aperta per la travolgente interpretazione del 23enne messinese, Giovanni Saccà, che ha vestito i panni dell’adulto Padre Pio, mentre il santo bambino è stato magnificamente interpretato dal piccolo Armando Cocimano della provincia di Ragusa.

Al centro dello spettacolo, trasmesso in diretta su Tele Padre Pio, il confronto-scontro tra bene e male, presente nella vita di ogni essere umano, che ha visto San Pio scegliere ed innamorarsi del bene assoluto.

Una dualità ottimamente riproposta dalle fedeli, Ademara di Nuzzo e Mariacristina Gionfriddo, delle province di Messina e Siracusa, e dalle indemoniate, Letizia Iacono e Mariachiara Medico, della provincia di Catania, mentre nelle vesti del popolo riflettori puntati su Mattia Gallo, Antonella Biundo, Simone Romano e Roberta Fichera.

I giovani talenti siciliani, fiore all’occhiello dell’Associazione Culturale Musica e… Oltre del maestro Paolo Li Rosi, hanno lavorato in sinergia con l’Accademia Federiciana di Andria di Michele Lorusso e Agnese Paola Festa, sotto la pregevole direzione artistica di Maria Grazia e Attilio Fontana che ne hanno curato musiche e testi.

“Un’emozione per tutti noi – ha commentato il maestro Paolo Li Rosi – che con questo spettacolo abbiamo potuto vivere e far rivivere la vita di un santo che ha segnato la storia, lasciando al mondo una grande eredità. Un immenso onore per me e i miei ragazzi, che con il loro inesauribile entusiasmo hanno portato un pezzo della nostra amata Sicilia in un luogo di grande spiritualità come San Giovanni Rotondo”.

Il laboratorio teatrale è stato curato da Maria Grazia e Attilio Fontana, Paolo Li Rosi, Cristian Ciccone, Anna Gargiulo ed Emiliano Reggente.

 

 

Annunci

Pubblicato il 4 agosto 2017 su ALL NEWS. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: