Catania: Nuova aggressione al Vittorio Emanuele, la nota di D’Asero

Sollecita un intervento urgente dell’assessore regionale alla Salute Baldo Gucciardi il capogruppo di Alternativa popolare all’Ars Nino D’Asero dopo l’ultima aggressione, l’ennesima, nei confronti di sanitari dell’ospedale “Vittorio Emanuele” di Catania avvenuta proprio all’interno del nosocomio. “Su quella che è ormai una vera e propria emergenza – afferma il parlamentare – il governo regionale dica quali provvedimenti intenda adottare. Bisogna – aggiunge – avviare subito un dibattito serio sul tema e fare fronte comune, e mi rivolgo a tutti i deputati, affinché si trovino soluzioni a questa problematica che è divenuta una priorità. Tutti i tentativi per cercare di fronteggiare il fenomeno ad oggi, purtroppo, non hanno prodotto risultati: c’è una oggettiva difficoltà ad arginare i sempre più frequenti casi di violenza nelle struttura sanitarie cittadine. Un allarme sociale, collegato ai lunghi tempi d’attesa dovuti alla presenza sempre maggiore di pazienti nei pronto soccorso, – sottolinea D’Asero – che va affrontato con determinazione per dare subito risposte concrete ai cittadini e a medici ed infermieri. Bisogna individuare – conclude – un modello nuovo, in riferimento ad una realtà complessa e difficile come quella della nostra regione, e riorganizzare le aree delle emergenze-urgenze in Sicilia”.

Annunci

Pubblicato il 11 giugno 2017 su ALL NEWS. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: